Smontiamo i colori della materia

Materiali

bicchiere, carta da filtro, graffette, pennarelli ad acqua di vari colori, acqua, forbice

Cosa fare e cosa osservare

• Ritaglia dalla carta da filtro strisce adatte per essere immerse nel bicchiere
• Versa sul fondo del bicchiere dell’acqua.
• Traccia sulla carta da filtro, a circa 2 cm da un’estremità, una grossa linea con il pennarello colorato.
• Immergi la striscia in acqua facendo in modo che la linea colorata sia molto vicina all’acqua, ma non risulti bagnata direttamente. Puoi fissare la striscia al bordo del bicchiere con una graffetta.
• Aspetta che l’acqua risalga lungo la striscia ed osserva ciò che accade
• Ripeti le operazioni precedenti con colori diversi.

Cosa accade

Perchè l'acqua sale. Le fibre della carta sono come dei tubicini sottilissimi lungo i quali le molecole di acqua si "arrampicano" perché stabiliscono con esse particolari legami. In natura questo fenomeno, chiamato capillarità, favorisce la risalita dell'acqua lungo le radici e gli steli di una pianta.
Perchè si formano le bande colorate.La maggior parte dei colori dei pennarelli è costituita dalla mescolanza di pigmenti colorati diversi (come visto nel mescolamento delle tempere). La tecnica usata per separare questi pigmenti si chiama cromatografia. Accade che le sostanze che compongono i pigmenti colorati del pennarello hanno una diversa "affinità" per l’acqua e quindi si lasciano trascinare da essa più o meno velocemente, depositandosi a distanze diverse rispetto al punto di partenza. Quelle con maggiore "affinità" per l'acqua vanno più lontano. In questo modo i diversi pigmenti colorati si separano gli uni dagli altri. Alcuni colori, come il giallo, non si separano in bande perché sono appunto colori primari.